Perugia, podismo: trionfo africano alla 29esima Maratonina del Campanile

Silvia Tamburi, prima tra le donne
Silvia Tamburi, prima tra le donne

FOTO | Gideon Kurgat Kiplagat davanti all’altro keniano, Samson Kagia Mungai e al marocchino Mohamed Hajjy. Prima tra le donne la perugina Silvia Tamburi. Trecento gli altleti in gara

PERUGIA – Podio africano alla Maratonina del campanile con il terzetto che ha fatto corsa di testa fino a poco oltre metà gara quando in discesa, all’uscita da Torgiano, Gideon Kurgat Kiplagat ha allungato decisamente sui due compagni di fuga, l’altro keniano Samson Kagia Mungai e il marocchino Mohamed Hajjy. L’atleta si è involato solitario verso il traguardo di via Cestellini a Ponte San Giovanni di Perugia che ha tagliato vittorioso nel tempo di 1 ora 2 minuti e 9 secondi, migliorando di quasi due minuti quello fatto segnare lo scorso anno su questo nuovo tracciato. Al secondo posto, staccato di 20 secondi, è arrivato Hajjy e più dietro Kagia Mungai. Primo italiano al traguardo, e anche primo umbro, Yassin El Khalil della Pietralunga Runners, sesto assoluto che allo sprint ha preceduto lo spoletino Daniele Petrini.

In oltre 300, con presenze da varie regioni italiane, hanno tagliato il traguardo della 29esima edizione, una delle gare simbolo dell’Umbria. “Un numero che non ha premiato come si meriterebbe questa manifestazione organizzata puntigliosamente” dichiarano dalla Podistica Volumnia Sericap promotrice dell’evento sportivo. Sono state, invece, un centinaio le persone che hanno preso parte alla camminata non competitiva Correre per la Vita, in abbinamento quest’anno con il comitato umbro dell’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) a cui andrà il ricavato. Partecipazione che ha avuto un duplice fine, quello di fare stare bene fisicamente chi vi ha preso parte attivamente e quello di contribuire a sostenere la fondamentale missione di Airc.

Il percorso di 20 chilometri misurato e omologato della Maratonina del campanile ha interessato anche il territorio di Torgiano, con l’attraversamento del centro storico di questa cittadina, uno dei Borghi più belli d’Italia. «Ricordiamo – dichiarano dalla Podistica Volumnia Sericap – che questa manifestazione si fregia del marchio di qualità Umbria Green Sport attribuito dalla Regione Umbria alle principali manifestazioni sportive». Il lungo serpentone colorato ha preso puntualmente il via, starter l’assessore allo sport del Comune di Perugia Emanuele Prisco, accompagnato dal suono delle campane del campanile della chiesa parrocchiale dopo aver ricevuto la benedizione da don Gianluca, parroco di Ponte San Giovanni. Il film della gara, che grazie al supporto tecnico del gruppo CB Brecchino è stata vissuta attimo per attimo in diretta sulla linea d’arrivo, ha visto fin dalle prime battute la netta supremazia degli atleti africani di Kenia e Marocco.

Nella gara femminile, podio tutto umbro con la perugina Silvia Tamburi che, dopo due secondi posti, in questa gara iscrive il suo nome nell’albo d’oro vincendo in 1 ora 16 minuti e 15 secondi. Al secondo posto, a oltre 4 minuti, Federica Poesini della Pietralunga Runners e al terzo Antonella Bellitto della Libertas Orvieto. Da segnalare il ritiro per problemi fisici nei pressi di Torgiano, circa a metà gara, quando era nelle primissime posizioni, di una delle candidate al successo finale, Costanza Martinetti dell’Arcs Cus Pg, vincitrice della passata edizione. Yassin El Khalil e Silvia Tamburi, come primi atleti umbri al traguardo, si sono aggiudicati l’ottavo Trofeo Confcommercio Mandamento Perugia e Comprensorio.

A livello societario successo per l’Atletica Il Colle che ha preceduto il CDP T&RB Group- Area Sistema e l’Atletica Avis Perugia. Inoltre un premio speciale è andato a tutti coloro che hanno migliorato il proprio tempo rispetto alla scorsa edizioni, attenzione in più degli organizzatori verso i podisti. Un ricco ristoro e il tradizionale pasta party finale hanno ritemprato le energie degli atleti che hanno onorato fino in fondo questa manifestazione: l’applauso indirizzato al presidente della Podistica Volumnia Sericap Gianfranco Brugnoni, in convalescenza a casa dopo un intervento chirurgico e per la prima volta assente in questa che è una sua creatura, ha aperto la cerimonia di premiazione finale alla presenza del presidente della Consulta dei Rioni di Ponte San Giovanni Gianfranco Mincigrucci, della vicepresidente del Comitato Umbro Airc Gloriana Giacobello, di Mario Filippucci, titolare della Sericap e di Raffaele Bottoloni, vicepresidente della Podistica Volumnia Sericap.