Niente droga nelle tasche, ma in corpo aveva 25mila euro di eroina

Oltre un etto di stupefacente in due ovuli: in manette un 30enne

PERUGIA – Due ovuli, 110 grammi di eroina. Una quantità che secondo gli inquirenti avrebbe fruttato, una volta sul mercato, qualcosa come 25mila euro. Due ovuli che il ragazzo, un 30enne tunisino, aveva nascosto nell’ano. A rovinarne i piani sono stati gli uomini della squadra mobile di Perugia, che hanno messo le manette ai polsi del 30enne tunisino e denunciato una donna, fermata in sua compagnia.

I poliziotti lo hanno fermato qualche giorno fa – nelle zone di Ferro di Cavallo, Ellera e Corciano un servizio straordinario finalizzato al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, disposto dal Questore di Perugia Giuseppe Bisogno – mentre viaggiava in compagnia di una donna a bordo della propria automobile. Un’auto che gli agenti già conoscevano, e che infatti hanno deciso di seguire. Viste le brutte, i due hanno deciso di scappare a piedi. Ma non hanno seminato gli inseguitori che, una volta raggiunti, li hanno perquisiti senza però trovare nulla.

È stato il ragazzo, messo sotto torchio, a confessare di nascondere la droga in corpo. Lui è stato arrestato con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. La donna invece, ecuadoriana classe 1978, che non deteneva droga in prima persona, è stata denunciata per concorso nel medesimo reato commesso dal ragazzo.