Narni “green”, percorsi oltre 2.650.000 passi per M’illumino di meno. E sabato si torna a pulire le aree verdi dai rifiuti

Nuovo appuntamento con “L’eco dei boschi”, passeggiata ecologica con tre percorsi per altrettanti livelli di difficoltà. Prevista anche una visita archeologica

NARNI (Terni) – Sono più di 2.650.000 i passi percorsi dai narnesi per contribuire a coprire la distanza a piedi fra la Terra e la luna: suggestivo obiettivo che si era dato quest’anno M’Illumino di Meno, evento promosso dal programma Caterpillar di Radio2 per sensibilizzare a proposito di risparmio energetico e raggiungere appunto, simbolicamente, il satellite naturale del pianeta distante 555 milioni di passi da noi.

Il risultato è stato ottenuto nel corso delle iniziative messe in programma dal Comune di Narni per la manifestazione. Duemilioniseicentocinquantamila e oltre: tanti, informa l’assessorato all’Ambiente, i contributi fatti arrivare dai cittadini narnesi, dalle scuole alle associazioni fino ad iniziative private. Fra queste c’è chi ha conteggiato i passi per andare a scuola o al lavoro, chi per fare una passeggiata, chi in vacanza, alcuni da Parigi o New York, chi scalando pareti verticali o fotografando il buio, chi preparandosi la cena o cantando canti medievali a lume di candela.

«Un grande movimento», secondo l’assessore Alfonso Morelli, «verso nuovi stili di vita più rispettosi dell’ambiente, dell’uomo e di se stessi. In quest’ultimo mese Narni è stata la cornice di iniziative molto partecipate e avviate semplicemente con il passaparola, tutte incentrate sulla promozione di una nuova consapevolezza ambientale che dimostra come i tempi siano maturi per imprimere una forte accelerazione verso un modello di sviluppo e consumo nuovo e più sostenibile».

Ma l’impegno “green” della città e dei cittadini di Narni non si esaurisce qui. Sabato infatti si terrà un nuovo appuntamento con “L’eco dei boschi” passeggiata ecologica (posticipata causa maltempo) finalizzata a ripulire le zone verdi dai rifiuti e a sviluppare e promuovere l’amore per la natura. La tappa di sabato prossimo, informa il Comune, sarà la zona di Testaccio con tre percorsi suddivisi per livelli di difficoltà: La strada del monte Sant’Angelo, quella del ripetitore e quella provinciale. Prevista anche, sotto la guida dello storico locale Giuseppe Fortunati una visita archeologico-culturale all’antica grotta di Orlando che si trova lungo la Flaminia