Gli rubano la bici, la ritrova 7 mesi dopo al mercatino dell’usato

Una storia per certi versi incredibile. O meglio: credibilissima, ma surreale. È capitato a Bastia

BASTIA UMBRA (Perugia) – Una storia per certi versi incredibile. O meglio: credibilissima, ma surreale. Immaginate che vi rubino qualcosa. Tipo una bici, una mountain bike di incerto valore che nel bel mezzo di una passeggiata, lasciata magari incustodita per qualche minuto, di colpo sparisce. E immaginate di ritrovare quella stessa bicicletta (la vostra) sette mesi più tardi in una bancarella del mercato del sabato della vostra città, fra libri usati, mobili antichi, suppellettili e oggetti vari.

Voi immaginate pure. Ma per un uomo di Bastia Umbra questa storia, suo malgrado, si è rivelata fin troppo reale. Ne avrà pensate di cotte e di crude vedendo la sua bici nella bancarella di un venditore ambulante. Ciò nonostante ha mantenuto la calma e, scacciata ogni sorta di comprensibili e cattivi pensieri, ha scattato un paio di foto e ha avvertito i carabinieri. Ai militari l’espositore, perugino, ha dichiarato di averla avuta in donazione da un residente di Ponte San Giovanni che nelle ore a seguire si è presentato (spontaneamente) alla polizia, riferendo è che si era impossessato della bicicletta dopo averla trovata in stato di abbandono.

Le responsabilità delle persone coinvolte nell’incredibile ma realissima vicenda saranno valutate dalla procura nei giorni a venire. «Ma la stessa vicenda – sottolineano i militari – apre anche una finestra sulla realtà dei mercatini dell’usato. Sarebbe infatti bene che i cittadini, a fronte di materiale di un certo valore venduto a poco prezzo si ponessero delle domande, e aodttasero tutte le cautele del caso al fine di non incorrere in sanzioni di carattere penale».