Siglato anche per il 2018 l’accordo tra Confcooperative e Bcc Umbria e Bcc di Spello e Bettona. «Insieme per lo sviluppo della comunità»

PERUGIA – È stato rinnovato, anche per il 2018, il pacchetto “NoiCoop” e quindi tutti i prodotti a questo corredati, legati al credito destinati alle imprese cooperative e ai loro soci. I soggetti coinvolti hanno già messo tutto nero su bianco: le sigle formali sono quelle di Andrea Fora, presidente di Confcooperative Umbria, e dei presidenti delle due Banche di credito cooperativo con sede legale ed operativa in Umbria, Massimo Meschini (BCC di Spello e Bettona) e Palmiro Giovagnola (BCC Umbria),

Il pacchetto presenta un alto valore mutualistico in quanto mette a sistema gli strumenti del mondo della cooperazione facenti capo a Confcooperative: Cooperfidi Italia (il Cooperfidi nazionale del movimento cooperativo), Fondosviluppo (il Fondo di promozione nazionale di Confcooperative), e Assimoco (la compagnia di Assicurazione del movimento cooperativo). Il Pacchetto bancario rientra tra le tante opportunità veicolate attraverso la Cooperativa di utenti “NOICOOP” – promossa da Confcooperative Umbria – che associa le Cooperative, la BCC, gli Enti di Sistema e i Soci delle Cooperative stesse.

A fornire i dettagli dell’operazione è il Presidente di “Noicoop” e delegato di Confcooperative Umbria agli affari del credito, Valter Sembolini: «Ripartiamo dagli ottimi risultati ottenuti dal pacchetto nel 2017 quando insieme ai direttori delle agenzie delle due Bcc abbiamo incontrato più di 80 cooperative nell’intento di dare risposte alle loro esigenze ed a quelle dei loro soci. Scopo del nostro progetto è quello di favorire il rilascio di credito alle Cooperative mettendo a valore la comune conoscenza e la condivisione delle specificità mutualistiche che distinguono le cooperative dalle altre forme di impresa e le BCC del territorio dagli altri Istituti di credito».

«Queste distintività – gli fa eco il Segretario Regionale di Confcooperative Lorenzo Mariani – ci hanno portato a leggere le esigenze delle imprese cooperative in quanto autentiche comunità territoriali ed a mettere in campo risposte a tutto tondo con prodotti appunto per l’impresa cooperativa, per il socio e per la propria famiglia. Quattordici sono al momento i prodotti veicolati dalle agenzie delle BCC e a disposizione delle cooperative umbre e dei loro soci: 11 per le imprese e 3 per le persone fisiche. In quelli destinati alle imprese è prevista tutta la casistica prevalente di prodotti cui vanno in cerca le cooperative: dal finanziamento al mutuo, all’anticipo delle fatture o dei pagamenti della Pubblica Amministrazione; dall’anticipo dei pagamenti comunitari a quello dei conferimenti dei prodotti della campagna agricola, la tredicesima e quattordicesima mensilità ed il prestito partecipativo».

Soddisfazione è stata espressa dal presidente di Confcooperative Umbria, Fora: «Sono orgoglioso del successo di questa iniziativa unica nel panorama nazionale, che va incontro alle esigenze legate al credito del nostro mondo, con particolare attenzione allo start up di nuove imprese cooperative nel territorio regionale». Unitamente ai vertici di Confcooperative Umbria, stanno lavorato intensamente al progetto anche i Direttori Generali di BCC Umbria, Marcello Morlandi, e di BCC di Spello e Bettona, Maurizio del Savio, con i rispettivi referenti commerciali Silio Canosci e Romeo Negrini.