[Chi è l’uomo? Le risposte alle Olimpiadi di filosofia]

Diogene alla ricerca dell'uomo
Diogene alla ricerca dell'uomo

DA UN NOSTRO CONTRIBUTOR | Gabriele Ripandelli e l’incontro sulle conquiste della scienza con gli studenti del liceo

un contributo di Gabriele Ripandelli

Chi è l’uomo? Che rapporto ha l’io con l’altro? Quanto la nostra vita è direttamente intrecciata con i nostri utensili?
Ogni filosofo nel corso della storia si è trovato a cercare di rispondere a queste domande. Ogni studente che ha studiato filosofia, all’università o al liceo, si è trovato a scontrarsi con le più disparate tesi cercando di fornire la propria. Ma la filosofia è considerabile una materia da libri vecchi e maleodoranti, oppure l’uomo moderno ha ancora bisogno di persone che guidano le proprie riflessioni? Da questa domanda il professor Pieretti ha cominciato il 24 gennaio il suo discorso nell’aula IV del dipartimento di filosofia.

Il tema erano “le conquiste della scienza sfidando la filosofia” e dunque si è parlato molto della scoperta del genoma umano e tutte le ultime scoperte che possono mettere in difficoltà l’individualità dell’uomo. L’ audience era formata dai ragazzi dei licei umbri che assistevano come preparazione alla XXVI edizione delle olimpiadi di filosofia. I ragazzi si sono sentiti chiamati in causa e alla fine della spiegazione del professore hanno avuto il piacere di parlare con lui, dimostrando che il dibattito filosofico è ancora molto sentito tra i giovani, riguardo a temi come i transgender, l’immigrazione, il rapporto con la natura e con il diverso da noi, il costante uso di dispositivi tecnologici. Pieretti è stato molto contento di andare a discutere come la natura necessita di essere rimessa al centro, dopo un periodo egocentrico dell’uomo, o di come il diverso è sempre stato visto male dall’uomo nel corso della storia ed andare ad esaminare i motivi.
Alcune battute sono anche state spese riguardo al costante uso del telefono e per rispondere al se quando lo si usa ci si abbassa sempre ai livelli del dispositivo trovandosi a volte a ragionare con i procedimenti come un computer, oppure sta all’uomo usarlo in modo ragionevole per innalzare il dispositivo a noi. Gli studenti, che dovranno nelle prossime settimane svolgere la fase di selezione di istituto, il 14 febbraio assisteranno alla lezione aperta anche a chi non partecipa alla gara del professore Moschini riguardo l’attualità della “domanda filosofica” prima di disputare la fase di selezione regionale per accedere alle gare nazionali.