Post sisma, il sindaco di Norcia indagato per il centro polifunzionale ad Ancarano

Nicola Alemanno, sindaco di Norcia. Archivio
Nicola Alemanno, sindaco di Norcia. Archivio

È lo stesso Nicola Alemanno ad aver dato la notizia all’Ansa. L’accusa della procura di Spoleto: «Non è una struttura di emergenza»

NORCIA (Perugia) – Indagato per l’autorizzazione, con procedure di urgenza legate alla ricostruzione post terremoto, alla realizzazione del centro polifunzionale della pro loco di Ancarano. A essere raggiunto da un avviso di garanzia, insieme ad altre persone, è il sindaco di Norcia Nicola Alemanno, che ne ha dato notizia all’Ansa, come si legge sul sito ansa.it.

L’inchiesta è della procura di Spoleto, diretta da Sandro Cannevale, che contesta al primo cittadino (che proprio oggi a Norcia ha consegnato tre strutture per attività di ristorazione) di aver autorizzato la realizzazione del centro con procedure di emergenza, mentre sarebbe stata più corretta la procedura ordinaria non avendo, secondo le accuse, «le caratteristiche delle strutture emergenziali».
Alemanno, che dice di riporre piena fiducia nella magistratura, ricorda come il centro sia un punto di ritrovo per la comunità di Ancarano e utile anche in caso di future emergenze.