VIDEO | Addio a 85 anni a uno degli allenatori più amati. L’intervista dopo Italia 90: «La storia non ci assegna il primo posto ma un primato…»

È morto a 85 anni Azeglio Vicini, ct della Nazionale italiana di calcio che portò gli Azzurri al terzo posto di Italia 90 dopo Germania e Argentina.

Uno dei mondiali più seguiti e rimasti nel cuore, proprio per la passione di Vicini che fece innamorare il Paese di una squadra che giocò il mondiale a viso aperto. Indimenticabili, quasi come la colonna sonora della vittoria mondiale del 2006 e la corsa sfrenata di Tardelli nel 1982, le note di Notti magiche (anche se il titolo era “Un’estate italiana”) che accompagnarono quel campionato insieme agli occhi spalancati di Totò Schillaci e alle magie di Roberto Baggio.

Vicini è stato il tecnico degli azzurri dal 1986 fino al 1991, prima di lasciare il posto ad Arrigo Sacchi.