L’eccellenza dell’Oncologia umbra a Montecitorio

“Donne che curano”: Rita Chiari dell’Azienda ospedaliera di Perugia e Leonardo Cenci, con Aucc, Airc e Aronc per testimoniare l’importanza del rapporto tra medico e paziente

ROMA – Si è tenuto a Montecitorio il convegno ‘Donne che Curano’, organizzato da Women For Oncology, la prima e unica rete italiana di donne medico unite in una struttura consolidata per favorire la lotta al cancro.

La dottoressa Rita Chiari, consigliere dell’associazione e coordinatrice della sezione umbra dell’Aiom (Associazione italiana di Oncologia medica) insieme ai responsabili di alcune delle associazioni di volontariato umbre – tra cui Aucc, Avanti Tutta, Airc e Aronc – hanno portato l’esperienza dell’Oncologia umbra nelle sede della Camera dei deputati, testimoniando al mondo politico l’importanza del rapporto medico-paziente, di una corretta comunicazione e il pericolo delle fake news in tutti i settori, specialmente nell’Oncologia.

I pazienti Leonardo Cenci (patron di Avanti Tutta) e Consuelo Cialdi hanno dato testimonianza di come l’Oncologia umbra sia un’eccellenza nel campo dell’assistenza e della ricerca clinica, in particolare nel tumore del polmone. L’onorevole Paola Binetti ha ricevuto la delegazione umbra alla quale ha manifestato vivo apprezzamento per il lavoro svolto. «È importante che le associazioni umbre che operano nel campo della ricerca oncologica facciano rete tra loro – spiega la dottoressa Rita Chiari –. Nelle Marche ad esempio le associazioni di oncologia si sono unite. Dobbiamo provare a fare un’alleanza anche nella nostra regione. Sarebbe un buon punto di partenza per lavorare nella stessa direzione».