La folle notte di un 46enne folignate: rischia pure di investire un agente

Controlli antialcol polizia. Archivio
Controlli antialcol polizia. Archivio

A Santa Maria degli Angeli. Ubriaco al volante non si ferma all’alt della polizia e anzi…

ASSISI (Perugia) – La segnalazione di un cittadino. L’arrivo della polizia. Il tentativo di fuga (con tanto di speronata all’auto del 113) e il rischio concreto di investire un agente. Infine l’arresto. Non si è fatto mancare niente il 46enne folignate fermato nei giorni scorsi a Santa Maria degli Angeli, dove risiede.

«C’è un uomo ubriaco in un’auto, in sosta all’interno di una stazione di servizio a Santa Maria degli Angeli», la telefonata al 113. La volante è arrivata proprio nel momento in cui la macchina stava per ripartire. E quando uno degli agenti è sceso per il controllo, il 46enne ha ingranato la marcia provando a fuggire, incurante o forse sì del poliziotto che a quel punto gli si parava di fronte. Un riflesso dell’agente ha evitato la tragedia. Mentre il collega, ancora a bordo della volante, ha inseguito l’auto che nel tentativo di scappare ha speronato frontalmente – e secondo la ricostruzione della questura, volutamente . il veicolo del 113.

Finalmente bloccato e identificato, a carico dell’uomo sono spuntati diversi precedenti per guida in stato di ebbrezza per i quali è stato sottoposto anche agli arresti domiciliari. Privato delle chiavi di accensione della macchina e accompagnato in commissariato il 46enne si è rifiutato di sottoporsi al test per verificare il tasso alcolemico. La patente gli è stata immediatamente ritirata. E in più è scattato l’arresto con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, guida sotto l’influenza di alcool e danneggiamento ai beni dello Stato.  Il Pubblico Ministero ne ha disposto la permanenza ai domiciliari in attesa del rito direttissimo a conclusione del quale l’arresto è stato convalidato e l’uomo rimesso in libertà.