Monsignor Piemontese: «Chiesa e istituzioni operino in modo sinergico per il bene della collettività»

GIOVE (Terni) – Ha promesso il suo impegno per la riapertura della chiesa parrocchiale di Penna in Teverina e di quella della Madonna del Perugino a Giove, entrambe lesionate dal terremoto di due anni fa, il vescovo, monsignor Piemontese, che ha concluso recentemente la visita pastorale nei due comuni. Il vescovo si è fermato dal 24 al 28 gennaio, accompagnato dal parroco don Antonino e da don Andrea ed ha incontrato diverse realtà.

Sabato 27 c’è stato l’incontro con le amministrazioni comunali dei due comuni nella sala consiliare di Giove, accolto dai due sindaci, dagli amministratori e consiglieri, dai comandanti della stazione dei carabinieri e della polizia municipale, da rappresentanti della protezione civile e da numerosi cittadini, ha posto l’accento sulla necessità di operare in modo sinergico tra le istituzioni e la chiesa per il bene della collettività. Ha elogiato, riferiscono i due Comuni, le due comunità per la coesione, la concordia e l’attaccamento ai valori della tradizione che dimostrano di avere e ha sottolineato di aver chiesto espressamente, nella sua visita, di poter incontrare i rappresentanti delle istituzioni civili, ritenendo di fondamentale importanza il dialogo e la condivisione di obiettivi con le stesse. A seguire il vescovo ha incontrato anche i rappresentanti delle numerose associazioni locali che hanno raccontato le attività svolte.

Piemontese, fanno sapere i due sindaci, si è infine congratulato per la ricchezza di questo tessuto associativo, segno di comunità vive ed attive ed ha sottolineato la necessità di coinvolgere sempre più i giovani che rappresentano il futuro. La visita si è conclusa domenica con la messa cui hanno presenziato anche le autorità civili.