Obiettivo sicurezza: le vie in cui sono stati installati i dissuasori mobili. Aumentata la videosorveglianza della Basilica: «Sito sensibile»

ASSISI (Perugia) – Entreranno in funzione l’11 gennaio i nuovi pilomat (dissuasori mobili a scomparsa) recentemente installati ad Assisi: in piazza san Francesco, in Largo Gregorio IX ed in via Frate Elia. Una misura di sicurezza in più per quello che autorità e forze dell’ordine ritengono essere – come stabilito dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica secondo direttive e prescrizioni risalenti al 2015un sito sensibile: la Basilica di San Francesco.

«Il controllo degli accessi effettuato grazie ai dissuasori mobili e a due nuove telecamere di videosorveglianza, che si aggiungono a quelle già presenti nell’area, consentirà un ancor più accurato monitoraggio di un sito sensibile quale la Basilica di san Francesco con una progressiva minore invasività», recita una nota del Comune. L’accesso, su prescrizione inderogabile delle autorità di sicurezza pubblica, sarà consentito soltanto agli aventi diritto tra cui i residenti con effettiva dimora.

«L’Amministrazione è in dialogo costante con i residenti e tutti i soggetti interessati e precisa che, nei primi giorni di sperimentazione di questo nuovo dispositivo di sicurezza, l’area sarà costantemente presidiata dalla Polizia Municipale per monitorare le eventuali necessità. In prossimità dei dissuasori mobili è stata apposta la relativa segnaletica verticale che ricorda come in condizioni di estrema emergenza, esclusivamente per l’accesso di ambulanze e mezzi di servizio, si possa telefonare al n.112 oppure allo 0758190933», conclude la nota.