Un fatturato da 60 milioni di euro e 2.560 automobili vendute nel 2017: l’azienda umbra che batte la crisi

FOTO | Il presidente, Pedini: «In tutta la regione, siamo la prima azienda per crescita nel triennio»

PERUGIA – Un fatturato di circa 60 milioni di euro e 2.560 automobili nuove vendute. Sono i numeri del 2017 con cui Centralcar ha celebrato quest’anno le festività natalizie e il 40esimo anniversario della nascita dell’azienda. Riunitisi nella sede centrale di Perugia per il tradizionale scambio degli auguri, i vertici e i circa 70 dipendenti della concessionaria auto Citroën, Jeep e Kia hanno colto l’occasione, infatti, per fare il bilancio dell’anno che si sta chiudendo.

Una serata a cui sono intervenuti anche la senatrice Valeria Cardinali e il parroco di San Sisto don Claudio Regni a cui l’azienda ha fatto una donazione di beneficenza. «È andata benissimo così come i quattro anni precedenti – ha commentato Ettore Pedini, presidente della Centralcar –. Cresciamo di circa il 26 per cento rispetto al 2016, vendendo circa 540 automobili nuove in più rispetto all’anno scorso e 1.200 macchine usate. Secondo lo studio Plimsoll, tra le 33mila aziende italiane del settore del commercio auto ci posizioniamo ormai al 335esimo posto, scalando ben 86 posizioni in un anno». Dati quindi molto positivi che si vanno ad aggiungere a quelli a livello regionale.

«In Umbria – ha sottolineato Pedini – abbiamo una media di crescita nel triennio che è superiore a quella di qualsiasi altra azienda di qualsiasi altro settore merceologico, con una crescita media annua del 37 per cento». Un rapido e consistente sviluppo, quindi, il cui segreto è racchiuso nella filosofia aziendale e nella forza dei marchi rappresentati. «Il motto di questa azienda – ha spiegato il presidente Pedini – è l’acronimo Tod: trasparenza, onestà, determinazione. Tre sostantivi che riteniamo utili e necessari per far si che una squadra sia formata da uomini degni. Ma non basta un’azienda capace; molto dipende anche dall’emotività dei brand: Citroën, Jeep e Kia sono molto emotivi e il binomio con la nostra azienda ha portato a risultati veramente soddisfacenti».

A sottolineare questo successo, anche i premi ottenuti dallo staff della Centralcar. «Quest’anno – ha dichiarato Pedini – abbiamo un nostro venditore Citroën che per tre mesi è stato il migliore d’Italia, un venditore Jeep che è sempre in testa alle classifiche e l’accettatore Kia che ha vinto il primo premio nazionale della categoria ed è andato a rappresentare Kia motor Italia alle finali di Seul classificandosi tra i primi posti».
Tutto, insomma, lascia presagire un 2018 in ulteriore espansione e c’è fiducia anche nel consiglio d’amministrazione. Lo dimostrano gli importanti investimenti che stanno vedendo la luce in questi mesi. «L’anno scorso parlammo di 4 milioni di euro di investimenti in programma – ha ricordato Pedini –. Sono stati tutti fatti: abbiamo comperato la sede di Terni e vi stiamo rifacendo tutta l’immagine; stiamo, inoltre, ultimando il nuovo stabile di Perugia di 2.800 metri quadrati completamente dedicati al post vendita e a una nuova carrozzeria che si chiamerà Excellent».