Tre weekend ricchi di degustazioni ed eventi dedicati ai prodotti tipici per la mostra mercato dedicata al tartufo

NORCIA (Perugia) – Prenderà il via il 23 febbraio la 55esima edizione di Nero Norcia, la mostra mercato del tartufo nero pregiato di Norcia e dei prodotti tipici di eccellenza del territorio, una delle più importanti kermesse nel settore dell’agroalimentare in Italia. Anche quest’anno sarà riproposta la formula dei tre weekend: 23-25 febbraio, 2-4 e 9-11 marzo 2018. Il programma è stato presentato martedì 19 dicembre nel Salone d’onore di palazzo Donini a Perugia dal sindaco di Norcia Nicola Alemanno e dall’assessore comunale allo sviluppo economico Giuliano Boccanera, insieme al direttore dell’Associazione nazionale Città del tartufo Antonella Brancadoro e all’assessore regionale all’agricoltura Fernanda Cecchini. Una presentazione in netto anticipo rispetto alla data della manifestazione proprio «per dimostrare che Norcia è pronta», ha spiegato il sindaco Alemanno. Ma anche per lanciare la nuova campagna promozionale e il nuovo brand di Nero Norcia: un tartufo unito al rosone della basilica di San Benedetto realizzato in merletto da Arnaldo Caprai Gruppo tessile per l’iniziativa «Salviamo l’arte con l’arte». «Per unire il pregio al pregio», ha sottolineato l’assessore Cecchini, con Alemanno e Boccanera che hanno ribadito l’importanza di questi due simboli per Norcia e l’Umbria, con la speranza che la basilica del patrono d’Europa distrutta dal terremoto venga ricostruita il prima possibile. Un’edizione importante, di volontà e di ripartenza quindi, che vedrà un testimonial d’eccezione per l’inaugurazione: «Ad aprire Nero Norcia ci sarà Francesco Totti», ha annunciato con orgoglio il sindaco Alemanno. Tornando al programma, oltre alla mostra mercato, in ogni weekend sarà approfondita una particolare tematica, partendo naturalmente dal tartufo nero, con l’Associazione nazionale Città del tartufo di cui Norcia fa parte che si è fatta promotrice della candidatura del tartufo («Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali», il tema ufficiale) come patrimonio immateriale dell’Unesco e il 2018 segnerà un anno cruciale. Il secondo weekend sarà dedicato alla filiera agroalimentare all’innovazione mentre nel terzo saranno approfondite le tematiche riguardo l’economia della ricostruzione 4.0. L’edizione 2018, è stato spiegato, si colloca in un momento in cui la città di Norcia sta ripartendo, dopo gli eventi sismici che l’hanno sconvolta nel 2016. Con un programma che vedrà tappe di avvicinamento alla mostra mercato prendere il via già da sabato 27 gennaio quando a Norcia si svolgerà un convegno insieme al Ministero per lo sviluppo economico (Mise), Istituto nazionale per il commercio estero (Ice), l’Ordine dei commercialisti di Perugia e Confindustria, sull’internazionalizzazione delle aziende del territorio. Un momento di approfondimento in cui verranno indicate le opportunità che il Ministero mette a disposizione delle aziende di Norcia, è stato spiegato. A partire dalla stessa data, nei weekend che portano alla 55esima edizione di Nero Norcia saranno organizzate delle anteprime in cui saranno riproposti gli antichi mestieri: dalla cava del tartufo alla lavorazione del maiale, alla lavorazione del formaggio in collaborazione con Cedrav e la Pro Loco di Norcia. «Proponiamo delle gustose anteprime – Boccanera – in cui anche i nostri ristoranti dedicheranno speciali menù alle specifiche tematiche proposte nei weekend». Ripartire dal territorio, dalle sue eccellenze e dalla tradizione per guardare con fiducia alla Norcia che sarà.