Superlavoro dei vigili del fuoco mercoledì: disagi a Perugia, Terni, Spoleto e Assisi

PERUGIA – Di positivo c’è che la situazione durante la notte si è stabilizzata. E i vigili del fuoco hanno potuto tirare il fiato dopo il superlavoro di ieri.

Tantissimi gli interventi in giornata e soprattutto nel pomeriggio: tutti o quasi dovuti al maltempo. Che ha spazzato la regione e che solo ora sta offrendo una tregua. Il tappeto di pioggia battente che per ore è caduta incessante sui capoluoghi e nelle rispettive province ha portato con sé i soliti disagi: terreni franosi, strade allagate, alberi caduti.

A Perugia città mercoledì la viabilità interna è stata rallentata da diversi allagamenti, causati in primis da scarichi stradali otturati. A Ferro di Cavallo un’auto è uscita di strada finendo in un fosso: per recuperare il veicolo i vigili del fuoco hanno dovuto utilizzare un’autogru. Mentre in provincia, a Bettona e La Bruna, alberi caduti o a rischio caduta hanno tenuto impegnate alcune squadre del 115. Come a Spoleto, dove allagamenti (a seguito di uno, l’auto di un uomo è rimasta impantanata in un sottopassaggio) e piccole frane si sono succeduti senza tregua nel corso della giornata.

Ad Assisi un po’ di terra è franata sopra una cisterna di gas, obbligando i vigili del fuoco alla messa in sicurezza in attesa, oggi, del necessario recupero. A Terni, come a Perugia, la notte è scorsa senza intoppi né interventi di particolare rilievo per gli uomini del 115, impegnati soprattutto nella messa in sicurezza di alberi e rami. Nelle 24 ore precedenti, la pioggia aveva creato grattacapi in diverse zone, tra cui San Valentino, Sabbione e Borgo Bovio. Degli allagamenti stradali, anche qui causati in alcuni casi da scarichi mal funzionanti, si sono occupate protezione civile e polizia municipale.