Cocaina in casa e nell’auto, soldi e bilancini di precisione. In manette

Carabinieri al lavoro. Archivio
Carabinieri al lavoro. Archivio

Arrestati dai carabinieri di Perugia due spacciatori. La droga era nascosta nei posti più impensabili

PERUGIA – Due uomini in manette. L’accusa è detenzione di droga a fini di spaccio. Cocaina nello specifico. Trentotto grammi più tre: i primi trovati in casa, all’interno di un barattolo, già suddivisi in dosi e quindi pronti per essere spacciati; i secondi nascosti invece nella leva del cambio dell’auto che utilizzavano per spostarsi in città, alla «ricerca itinerante di illeciti guadagni», sospettano i militari.

Sono stati infatti i carabinieri di Perugia – quelli dell’aliquota radiomobile del nucleo operativo e radiomobile, nello specifico – a compiere l’arresto dei due uomini, entrambi albanesi. I militari li hanno intercettati giovedì, durante il servizio di controllo del territorio, delle zone della città considerate maggiormente a rischio. E dopo averli controllati sono passati alla perquisizione di automobile e appartamento, trovando la droga, ma anche 900 euro in contanti e un bilancino di precisione utile a pesare lo stupefacente. È stato tutto sottoposto a sequestro, droga, denaro e strumenti. I due arrestati sono stati giudicati con rito direttissimo e condannati a un pena di 2 anni, poi sospesa a seguito del patteggiamento.