Storica acquisizione per il Gruppo che da gennaio darà il via al nuovo piano industriale

BASTIA UMBRA (Perugia) – Si è conclusa la trattativa che ha portato il Gruppo Grigi all’acquisizione dello storico marchio Dell’Aventino Mangimi di Fossacesia (Chieti). Con l’acquisto, perfezionato nei giorni scorsi, l’azienda umbra rileva l’intero ramo commerciale Dell’Aventino, la cui attività resterà inalterata. Un’operazione importante in termini di volumi e di fatturato che, nelle intenzioni, rafforzerà la penetrazione nel mercato del Gruppo Grigi.

Dell’Aventino, con alle spalle oltre 50 anni di storia nel settore della zootecnia e un fatturato che sfiora i 30 milioni di euro, ha individuato nell’azienda umbra l’alternativa ideale per sviluppare il brand nei prossimi anni e consolidare la propria posizione anche attraverso l’ulteriore accesso nei mercati e nei territori presidiati da Gruppo Grigi. L’iniziativa è stata realizzata e definita dalla dirigenza in tempi brevissimi. A oggi, la divisione mangimistica di Gruppo Grigi conta quattro marchi, conosciuti nel settore sia per il valore storico che per l’importanza produttiva: Valigi, Grival, Dell’Aventino, Consmaremma mangimi Bio, dislocati in cinque impianti produttivi di cui due dedicati esclusivamente alla produzione di mangimi bio e no ogm.

Da alcuni anni, oltre la divisione mangimistica, la Famiglia Grigi è attiva anche sul mercato alimentare grazie ad una filiera completa di prodotti come uova, farina senza additivi, vino, birra artigianale, pasta secca e un marchio di carne Pollo Rurale allevato a regime estensivo. In tutti i settori, Gruppo Grigi ha per obiettivo quello di assicurare al consumatore la tracciabilità del percorso del prodotto, dal seme alla tavola, prendendosi cura direttamente di ciascuna fase produttiva della filiera e portando sul mercato prodotti di alta qualità, sani e in relazione diretta con la natura da cui provengono.