Dopo il successo dello scorso anno, la seconda edizione dell’iniziativa di Caritas e Polizia ferroviaria “Un viaggio d’amore da Bethlehem”

FOLIGNO (Perugia) – La locomotiva a vapore 740 arriverà puntuale alle 15 al binario 1 della stazione di Foligno. E a scendere dal treno con il suo abito rosso e la folta barba bianca sarà un Babbo Natale speciale.

Nessun sacco pieno di doni ad accompagnarlo, ma un messaggio di carità per la comunità, chiamata a farsi prossima nei confronti di chi, dato il periodo storico molto complesso e delicato, vive situazioni di disagio. La forbice della povertà, infatti, continua ad allargarsi, coinvolgendo sempre più famiglie del territorio. Ed è a loro che, anche in occasione delle imminenti festività natalizie, corre il pensiero della Caritas diocesana e della Polizia ferroviaria, promotrici – in collaborazione con Trenitalia, Rfi e Dlf – dell’iniziativa “Un viaggio d’amore da Bethlehem”, in programma domenica 17 dicembre, alle 15, alla stazione di Foligno.

Dopo il grande successo riscosso nel 2016, infatti, torna per il secondo anno consecutivo l’evento di solidarietà con cui si vuole regalare un sorriso ai più piccoli e far sentire meno sole le famiglie in difficoltà. «Il nostro intento – ha spiegato il direttore della Caritas di Foligno, Mauro Masciotti -, è di riportare nella comunità il vero senso del Natale, che è quello di farci prossimi nei confronti di chi ci sta vicino. E l’arrivo del treno della carità – ha sottolineato – sarà l’occasione giusta per farlo. Il Babbo Natale a bordo della locomotiva a vapore, infatti, arriverà spoglio di doni, pronto a riceverli dai bambini della città che, con un piccolo gesto, potranno mostrare la loro vicinanza a chi ne ha bisogno».

L’invito è quello di portare, all’appuntamento con Babbo Natale, un pensiero da donare ai compagni di scuola e di giochi che hanno minori possibilità. «Non chiediamo giocattoli – è l’appello del direttore Masciotti – ma materiale scolastico, di cui c’è tanto bisogno. L’esigenza manifestata da diverse famiglie è grande. Impegnate a fare i conti con le bollette e le spese quotidiane, spesso non riescono a far fronte anche queste mancanze. Ecco perché all’interno dell’Emporio della solidarietà di piazza San Giacomo – ha aggiunto – abbiamo dedicato un reparto a questi prodotti. Occorre garantire ai bambini un percorso scolastico adeguato, anche perché l’istruzione è fondamentale per la crescita e lo sviluppo. Senza formazione – ha concluso Mauro Masciotti – chi è povero rimane povero».

L’appuntamento, dunque, è per domenica 17 dicembre, alle 15, quando la magia del Natale arriverà al binario uno, insieme alla locomotiva del 1911 di proprietà della Fondazione Ferrovie dello Stato e tenuta nell’Hub di Foligno, gestito dall’Associazione “Turno C”. Ad attendere i bambini alla stazione ci sarà, poi, anche una piccola rappresentazione della natività, con Maria e Giuseppe. I doni raccolti durante l’evento verranno poi consegnati ai bambini in occasione della serata all’Arca del Mediterraneo che la Caritas folignate dedicherà alle famiglie bisognose del territorio.