FOTO | Inizio shock e Cerri out: laguna stregata. Dalla vetta al fondo della classifica in meno di due mesi

VENEZIA – Turno senza punti per il Perugia, che a Venezia perde 1-0 e chiude in dieci, causa espulsione di Cerri. Delusi gli oltre 500 tifosi arrivati in laguna per seguire la squadra. «Solo per la maglia e per la città», chiariva però uno striscione a inizio partita.

Perugia sotto. Subito. Incapace di disinnescare lo schema su punizione finalizzato da Garofalo (6’pt). Gol a parte in tutto un tempo i padroni di casa mettono insieme un’occasione, ancora con palla inattiva, e reclamano un rigore, non concesso, per un presunto fallo in area di Bianco. Altro non fanno. ‎Sono i grifoni a manovrare, a ragionare meglio e di più: senza colpo ferire. Nella ripresa Cerri espulso e Perugia in dieci. E se i grifoni hanno il merito di continuare a provarci di qui in avanti, i veneti col minimo sforzo difendono il risultato e portano a casa i tre punti: primi in classifica a questo punto, pari merito con Frosinone.

Venezia-Perugia, l'esultanza dei lagunari (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Venezia-Perugia, l'esultanza dei lagunari (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Il tecnico Breda (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Il tecnico Breda (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Cerri in azione (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Cerri in azione (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Zanon (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Zanon (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Han in azione (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Han in azione (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Bianco (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)
Bianco (riproduzione riservata, foto Roberto Settonce)