La droga? In una cassaforte artigianale in casa o nascosta tra i cassonetti

Polizia in azione (foto archivio Settonce)
Polizia in azione (foto archivio Settonce)

Perugia, i nascondigli non beffano polizia e finanza: arrestato a Ponte San Giovanni con mezzo chilo di hashish. Alla Verbanella, preso un altro pusher

PERUGIA – Era già stato arrestato dai poliziotti della squadra mobile per spaccio nel febbraio di quest’anno ma il 52enne di origine marocchina, è stato nuovamente notato mentre si aggirava con fare sospetto intorno a una fermata dell’autobus a Ponte San Giovanni.

Decisi a controllarlo, i poliziotti hanno notato il suo tentativo di far allontanare un’auto che gli si stava avvicinando: da qui la perquisizione, prima personale e poi domiciliare. Grazie all’intervento dell’unità cinofila della guardia di finanza, gli agenti hanno prima trovato una scatola accanto a un cassonetto poco distante dall’abitazione segnalata dal cane antidroga e che verosimilmente aveva contenuto sostanza stupefacente. Ma anche il controllo all’interno dell’appartamento ha dato esito positivo: qui, infatti, gli agenti hanno rivenuto oltre mezzo chilo di hashish che l’uomo aveva occultato all’interno di un vano ricavato con pannelli di legno in corrispondenza dello stipite di una porta.
Arrestato per detenzione ai fini di spaccio, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato portato nel carcere di Capanne in attesa della convalida.

A Perugia, invece, gli agenti della squadra mobile impegnati nei servizi finalizzati al contrasto dello spaccio, hanno notato un giovane che si aggirava con fare sospetto all’interno del parco della Verbanella. Lo straniero, successivamente identificato per un 20enne gambiano, è stato tenuto d’occhio dai poliziotti per verificarne i movimenti e successivamente fermato. La perquisizione a suo carico ha dato esito positivo poiché il ragazzo, occultati nella tasca del giaccone che indossava, aveva 3 dosi di marijuana confezionate in piccoli coni di carta. Condotto in questura per gli accertamenti di rito, è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.