Resa celebre dagli All Blacks, la esegue anche la nazionale neozelandese di rugby femminile. Gli sguardi delle avversarie sono tutto un programma

L’Haka, la famosissima danza tipica del popolo Maori resa celebre dalla nazionale di rugby della Nuova Zelanda, gli All Blacks, non è una prerogativa solo degli uomini.

Anche la nazionale di rugby a 15 femminile, le Black Ferns, infatti, la esegue prima delle partite e forse intimorisce anche di più: gli occhi sgranati, le urla e quell’avanzare all’unisono sono fatti proprio per mettere a disagio l’avversario.
Eppure, l’Haka non è una danza di guerra, quanto piuttosto un rituale per esprimere cosa si sente: quel digrignare i denti o battersi violentemente il petto, cosce e avambracci è soprattutto un saggio di potenza e coraggio. Che si ricollega allo spirito guerriero maori e ricorda (oltre a autoincitarsi) il comportamento da tenere nel corso della gara. Che, a vedere il video, le avversarie hanno colto per intero…