Spezia-Perugia 4-2. Altra sconfitta per il Grifo, e ora i tifosi contestano

Spezia-Perugia (foto Settonce, riproduzione riservata)

Ai padroni di casa basta poco per archiviare la pratica: ogni tiro nello specchio si tramuta in gol. Biancorossi vispi ma mai davvero in gara

LA SPEZIA – Ennesima sconfitta per il Perugia che da La Spezia torna con le ossa spezzate. Con 4 gol subiti contro appena uno realizzato. Finisce 4-1. Con gli uomini di Giunti sempre propositivi, talvolta pericolosi, ma mai realmente capaci di tornare in partita.

L’1-0 a firma Masi arriva dopo appena 2′, tanto per cambiare sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La reazione biancorossa c’è ma è improduttiva. Tanto che i bianconeri raddoppiano, al 19’pt con eurogol di Mastinu (di mancino) dal vertice destro dell’area di rigore. Appena prima del half time, il gol umbro: tocco vincente sottoporta di Volta (45’pt), anche lui sulle conseguenze di un calcio piazzato. Poi la ripresa: questa, sì, davvero assurda. Il Grifo graffia, attacca, spinge, tiene palla e costringe lo Spezia nella propria metà campo. Ma a ogni discesa dei padroni di casa rimediano un gol. Succede al 33’st, con l’ex Forte, che non esulta, risuccede al 37’st, con Granoche. Il gol di Mustacchio al 92′ serve solo a congelare lo score sul 4-2 finale. In casa Grifo, però, restano la rabbia e la delusione dell’ennesima occasione sciupata, tanto che i tifosi si stanno dando già appuntamento – alle 21 al Renato Curi – per contestare i giocatori di rientro dalla Liguria.