Cosa fare se il gatto gioca di notte e non ci lascia dormire

La vita notturna del felino, con qualche trucchetto, non è così difficile da gestire come potrebbe sembrare

A chi ha la fortuna di avere un gatto in casa sarà sicuramente capitato, almeno una volta (quando si è fortunati): essere svegliati durante la notte. Un felino è un po’ come un neonato. L’animale adorato disturba il sonno dei padroni di casa con le sue corse, i suoi agguati ai piedi che si “nascondono” sotto le coperte, le fusa proprio sulla testa mentre si è in fase REM, riservandosi poi la tranquillità della casa vuota durante la giornata per riposare serenamente.

Eppure, la vita notturna del gatto domestico, con qualche trucchetto, non è così difficile da gestire come potrebbe sembrare. L’unica regola da ricordare è di tenere occupato il felino mentre si dorme, così da non dargli il tempo di andare a disturbare chi sta dormendo. Il gioco è, quindi, l’arma vincente per scaricare le energie del micio in poco tempo e assicurarsi una nottata tranquilla.

Spesso il gatto va a disturbare il sonno del proprio padrone perché non ama giocare da solo. Il suo è una sorta di gesto d’affetto, un richiamo dell’attenzione. Quindi, la prima cosa da ricordare è che se si risponde alla provocazione, poi nel felino scatterà sicuramente la voglia di giocare. La soluzione più rapida e indolore per non essere svegliati di notte dal gatto è chiudere la porta della camera da letto, all’inizio l’animale proverà a graffiare per farsi aprire, ma non ricevendo risposta desisterà presto. La pigrizia felina è nota a tutti insomma! Altra cosa importante è fare in modo, prima di andare a dormire, che il felino abbia le sue ciotole piene, così da non lamentarsi per il cibo o per l’acqua nelle ore notturne. Infine, meglio dedicare un po’ di tempo a giocare con lui dopo cena, l’animale si sentirà amato e coccolato e magari userà anche lui la notte per riposare accanto al padrone invece che per svegliarlo.