Succede a Terni: irregolarmente sul territorio italiano, era già stato raggiunto da un provvedimento di espulsione

TERNI – È stato sorpreso dai carabinieri a cedere una dose di eroina a un tossicodipendente ternano, originario di Rieti, prontamente segnalato come assuntore. Colto in flagrante, il pusher nordafricano di 47 anni, irregolarmente in Italia, è stato bloccato e denunciato dai carabinieri di Terni.

L’uomo è una vecchia conoscenza dell’Arma: già noto per reati analoghi e già raggiunto da un decreto di espulsione, aveva con sé quasi mille euro (ritenuti provento di spaccio) e una banconota falsa da 50 euro quando i militari lo hanno fermato. Durante le operazioni d’identificazione il pusher ha anche fornito false generalità. Di lì a poco è stato tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione di banconote false, indicazione di false generalità a pubblico ufficiale e inottemperanza al decreto di espulsione. Trattenuto in una delle camere di sicurezza della caserma è tuttora in attesa dell’udienza di convalida con rito direttissimo presso il tribunale di Terni. Fondamentale nell’operazione sarebbe stato il ruolo attivo dei cittadini, esercitato collaborando con le forze di polizia. È sulla scorta delle tante segnalazioni pervenute, fanno sapere i carabinieri, che il pusher 47enne è stato incastrato.