Stando a quanto comunicato dal fornitore, l’88 per cento degli utenti esprime un giudizio positivo sul servizio. Solo lo 0,5 per cento delle corse viene annullato

UMBRIA – In Umbria, puntuali quasi 9 treni su 10. È quanto emerge da uno studio effettuato da Trenitalia, fornitore del servizio, sul proprio operato. Che specifica: ogni 100 corse programmate solo lo 0,5 viene cancellato; di queste solo due su mille per dirette responsabilità di Trenitalia.

La fotografia della mobilità regionale gestita in Umbria dalla società di trasporto ferroviario – scattata dallo stesso fornitore del servizio – mantiene «performance industriali positive, pur in presenza di criticità imprevedibili quali gli incendi in prossimità delle linee ferroviarie, ultimo quello di Giungano dell’8 agosto, che hanno negativamente inciso sugli indici estivi», si legge in una nota.

«A testimonianza delle buone performance – prosegue Trenitalia – vanno anche i risultati delle ultime indagini demoscopiche sulla soddisfazione dei clienti, che a luglio ha superato l’88% di soddisfatti del viaggio nel suo complesso. Considerando  il valore cumulato dei primi sette mesi dell’anno, il 90,1% dei passeggeri esprime un giudizio positivo sul viaggio con i treni del trasporto regionale dell’Umbria, con un aumento dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2016 e dell’8,4% rispetto ai risultati del 2014».

Ancora: «I primi otto mesi del 2017 vedono la puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dall’orario previsto) dei treni regionali dell’Umbria attestarsi all’89% e l’indice di regolarità (corse effettuate rispetto alle programmate) al 99,5%. Valori che, considerando le sole cancellazioni e ritardi imputabili direttamente a Trenitalia, salgono al 99,8% come regolarità e 98,4% di puntualità. Anche le avarie che determinano stop tecnici alle corse si attestano a 9,6 ogni milione di km percorsi, con una diminuzione del 20% rispetto ai valori del 2014 (12,1 ogni milione di km)».

«La puntualità realizzata dall’impresa ferroviaria – conclude Trenitalia -, quella che recepisce i soli ritardi imputabili a Trenitalia, mostra un miglioramento costante: è aumentata di 1,7 punti rispetto al 2014, di 0,9 vs 2015 e di 0,7 vs 2016. Il bilancio di Trenitalia Regionale Umbria dei primi due quadrimestri del 2017 riguarda una mole complessiva di servizi che assomma a circa 18.000 corse, per quasi 2,5 milioni di km percorsi complessivamente. L’ultima indagine demoscopica, condotta a luglio da una società esterna al Gruppo FS, ha evidenziato un miglioramento nel giudizio che i clienti danno del servizio e dei vari momenti che lo compongono (+0,3% vs luglio 2016 e +1,2% vs periodo gennaio-luglio 2016). Rispetto a luglio 2016 i fattori della permanenza a bordo che hanno registrato un miglioramento significativo sono: il comfort + 6,5% (83,9% vs. 77,4%), le informazioni a bordo +6,2% (82,7% vs 76,5%), la pulizia +3,9% (79,8% vs 75,9%). Anche la security ha avuto un miglioramento significativo rispetto a luglio 2016 con +5,9% (81,1% vs 75,2%)».