Finisce in carcere: revocati i benefici dell’accoglienza

Il 32enne nigeriano, ora a Capanne, il 19 agosto aveva rapinato una coppia di fidanzati a Monte Morcino a Perugia

PERUGIA – Al 32enne nigeriano attualmente in carcere, a Capanne, per rapina e tentativo di estorsione, sono stati revocati i benefici dell’accoglienza: il 19 agosto scorso, a Monte Morcino, aveva compiuto una rapina ai danni di una giovane coppia di fidanzati. Minacciati per oltre un’ora con una bottiglia rotta, nel tentativo di barattare la restituzione dei loro documenti con altro denaro.

Senza fissa dimora, con precedenti per ingresso illegale in Italia, l’uomo aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Come richiedente protezione internazionale – spiega la questura – era stato inserito nel programma di accoglienza e collocato in una struttura in attesa dell’accoglimento della sua istanza. Procedure subito revocate dalla prefettura su sollecitazione dell’ufficio immigrazione della questura. L’uomo rimarrà in carcere in attesa del processo.